VULNOLOGIA

Che cos’è la vulnologia?

La Vulnologia è la branca della medicina che studia, si occupa e tratta le ulcere cutanee e le piaghe. Le ulcere cutanee più note e frequenti sono quelle da decubito e causate da insufficienza arteriosa/venosa. Si tratta di lesioni a lenta guarigione, conosciute anche come ulcere cutanee croniche.

Il reparto Vulnologia di Parma presso il poliambulatorio Piccole Figlie Hospital offre un servizio completo nella diagnosi e cura delle ulcere cutanee croniche.

Oltre alla visita specialistica, nel nostro centro si effettuano terapie mediche per il controllo del dolore e per garantire la guarigione delle lesioni nel minor tempo possibile.

A cosa serve la visita vulnologica?

La visita vulnologica serve ad eseguire una diagnosi corretta per pianificare il percorso terapeutico più adeguato nella cura di ulcere cutanee, lesioni della pelle che non guariscono spontaneamente in tempi brevi (entro 6 settimane). Queste ulcere si formano in poco tempo e si risolvono in tanti mesi o anni. Si tratta di gravi lesioni dovute a stati infettivi, patologie metaboliche (diabete mellito) o altre problematiche.

L’obiettivo del Centro Vulnologia Parma Piccole Figlie Hospital è controllare il dolore, curare le lesioni in base all’origine della patologia per assicurare la guarigione nel minor tempo possibile. I nostri specialisti forniscono tutte le necessarie indicazioni per prevenire ulteriori lesioni ed evitare recidive curando in modo adeguato la pelle.

Di che cosa si occupa il vulnologo?

Il vulnologo, specialista in vulnologia, si occupa di diagnosticare, escludere o curare le ulcere cutanee croniche o di lenta guarigione. Esegue anche medicazioni avanzate o bendaggi elasto-compressivi e prescrive la cura più adatta al caso.

Nel trattamento delle lesioni cutanee, è essenziale un approccio multidisciplinare medico-infermieristico. Il problema va affrontato con la collaborazione di più specialisti (dermatologo, diabetologo, medico interno, chirurgo, ecc.).

Nella terapia di ulcere cutanee e piaghe, il successo terapeutico a lungo termine dipende dal lavoro di squadra.

In cosa consiste la visita vulnologica?

La prima fase della visita vulnologica consiste nell’anamnesi. Il vulnologo porrà domande al paziente riguardo al suo stile di vita (alimentazione, attività fisica, sedentarietà, eventuale vizio del fumo), farmaci assunti, eventuali patologie, familiarità, ecc.

La visita è il primo contatto con il paziente con ulcere cutanee croniche. Lo specialista eseguirà un esame obiettivo generale, analizzerà le lesioni cutanee indagandone le cause scatenanti o determinanti.

Durante la visita vulnologica, la lesione cutanea viene studiata e fotografata per esaminarne le caratteristiche e gli aspetti. Una volta diagnosticata la lesione, si procederà con la medicazione avanzata, eventuale bendaggio elasto-compressivo e terapia locale.

La medicazione appropriata della ferita può essere molto diversa a seconda della patologia riscontrata.

In media, la visita vulnologica dura 15-20 minuti.

A seconda della problematica riscontrata nel paziente, il vulnologo potrebbe prescrivere approfondimenti diagnostici come l’ecografia-doppler oppure esami ematici per monitorare il livello di glicemia durante la giornata.

Quali sono le patologie trattate più spesso?

La visita vulnologica è essenziale per individuare le cause delle lesioni cutanee. Solo in questo modo è possibile prescrivere una terapia adeguata ed efficace.

Le ulcere cutanee possono essere causate da:

– malnutrizione,

– obesità;

– malattie autoimmuni (vasculiti, artrite reumatoide);

– patologie metaboliche (come alterazioni del metabolismo renale);

– diabete mellito;

– invecchiamento precoce;

– insufficienza vascolare o arteriosa;

– traumi (come ustioni);

– fumo;

– arteriosclerosi grave;

– malattie dermatologiche (psoriasi);

– pressione frequente (lesioni da decubito);

– infezioni di varia natura;

– tumori.

Le aree maggiormente colpite da ulcere cutanee croniche sono gli arti inferiori (gambe e piedi), più soggetti ad alterazioni, disturbi e patologie sopra elencate.

È necessaria una preparazione?

Per la visita vulnologica, il paziente non deve seguire alcuna norma di preparazione.

Quando è necessario chiedere un appuntamento dal vulnologo?

E’ necessario prenotare una visita vulnologica quando si manifestano lesioni cutanee e piaghe che non guariscono, le cosiddette ferite difficili o ulcere cutanee croniche.

E’ altamente raccomandato soprattutto se si è affetti da patologie come diabete, insufficienza vascolare, patologie metaboliche, autoimmuni, ecc.

Solitamente, il paziente viene indirizzato al vulnologo dal medico curante.

EQUIPE MEDICA

Vulnologo

Dott. Boldrocchi Gian Luca

UNITÀ OPERATIVA IN PICCOLE FIGLIE HOSPITAL
Geriatria, Medicina Interna, Vulnologia

RUOLO IN PICCOLE FIGLIE HOSPITAL
Medico Chirurgo

AREE MEDICHE DI INTERESSE
Geriatria, Medicina Interna, Vulnologia

LAUREATO IN
Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Parma, anno 1974, votazione 101/110

SPECIALIZZATO IN
Medicina Interna, Università degli Studi di Parma, anno 1979
Geriatria e gerontologia, Università degli Studi di Parma, anno 1999